Enzo Garinei è San Francesco di Paola In attesa dello spettacolo del 2 aprile al teatro Rendano. Ecco gli attori che reciteranno la parte del Santo patrono calabrese.

Download PDF

Enzo Garinei foto federico veltri Grande attesa al teatro Rendano di Cosenza per l’ opera ”Francisco de Paula”, santo patrono della Calabria, di cui quest’anno si celebrano i 600 anni della nascita. La figura di Francesco sarà interpretata da due pilastri del teatro italiano.  Federico Veltri, tenore di fama internazionale, orgoglio calabrese, nativo di Dipignano, legato alle sue radici, di cui ne esporta il sapere e la cultura con fierezza, vestirà i panni di Francesco da giovane. Mentre l’età senile sarà rappresentata dal famoso attore e doppiatore Enzo Garinei (nella foto dalla rete), interprete di  grande spessore del cinema e teatro italiano. Più volte protagonista delle commedie musicali Garinei e Giovannini. Maestro talentuoso dalla fama indiscussa, fondatore della scuola di teatro “Ribalte” che ne attesta il suo amore viscerale per l’arte, conservandolo sempre giovane nel cuore.  Con Parola di vita siamo riusciti a strappare una breve intervista, un piccolo cameo al grande maestro Enzo Garinei, la cui simpatia e disponibilità è disarmante.

Come mai ha deciso di interpretare San Francesco di Paola nell’opera che debutterà al Rendano il prossimo 2 aprile?

Innanzitutto c’è una simpatia, un affetto per la terra calabra.  Il teatro Rendano lo considero uno dei 10 teatri più belli d’Italia e perché no anche d’Europa. Nella mia vita ho viaggiato tantissimo e l’atmosfera che si respira al Rendano è unica. Anche la salita del corso che giunge al teatro, con i negozi storici è straordinaria.

Emozionato nel rappresentare uno dei personaggi più importanti per la Calabria?

È un onore interpretare una delle figure più importanti della provincia di Cosenza. Nella mia carriera ho fatto di tutto. Dico spesso, ancora oggi ai miei allievi, che un vero attore deve saper fare di tutto. Lo studio è molto importante. Faccio spesso l’esempio del calcio. Tutti sanno giocare a pallone o amano questo sport, ma la cosa importante è la tecnica che arriva con la preparazione.

C’è un personaggio della sua carriera che ama particolarmente?

Si certo, il Sindaco in “Aggiungi un posto a tavola”.

Per il futuro?

Per ora penso al prossimo personaggio di San Francesco di Paola, penso al domani. Pensare al dopodomani alla mia età è pericoloso (sorride).

Contemporaneamente abbiamo raggiunto il tenore Federico Veltri, conosciamolo meglio.

Cosa significa per lei interpretare il personaggio di San Francesco di Paola?

Significa interpretare uno dei personaggi più importanti del panorama calabrese nel mondo. È uno dei santi calabresi più venerati a livello mondiale. Anche moralmente una dei ruoli più difficili che mi siano mai capitati. Ho deciso di avere anche un percorso spirituale importante che mi possa avvicinare alla personalità di San Francesco. Andrò a vivere per un periodo con i minimi nel santuario di Paola per osservare la loro regola.

È emozionato?

Si tantissimo, avrò la possibilità di esibirmi insieme ai più grandi professionisti del panorama italiano: Francesco Castiglione, Caterina Misasi, il maestro Garinei e Cibelli. Sono emozionatissimo (sorride). Sarà un grandissimo spettacolo con tanti colpi di scena, dati dalla sceneggiatura eccezionale.

di Omar Falvo

Fonte: www.paroladivita.org

03/02/2016

Leave a Reply