A tu per tu con Nino Frassica: l’attore dalla comicità autentica.

Download PDF

 “Da bambino volevo diventare Ringo Starr…amavo la batteria e avevo una forte passione per la musica”

 

“Il trucco per il successo?….crederci, crederci e ancora crederci…”

Personaggio eclettico, attore, comico, cantante, scrittore e tanto altro ancora, non è facile parlare di Nino Frassica,  uno dei pilastri del panorama televisivo italiano. L’incontro con Renzo Arbore nel 1983 rappresenta una svolta importante per la sua carriera. Una comicità autentica quella di Nino Frassica che arriva dritta al cuore della gente e provoca una piacevole fibrillazione. “FF.SS.”-Cioè: “…che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi bene?”, con Renzo Arbore,  “Vacanze di Natale ’91” con la regia di Enrico Oldoini, “Un attimo sospesi” regia di Peter Marcias, sono solo alcuni dei film che lo hanno visto protagonista. La sua comicità basata sul discorso illogico, “nonsense”  spicca “In quelli della notte “, programma cult di satira che per i suoi ingredienti catturò  per la prima volta un pubblico eterogeneo, colto e popolare. A seguire  “Domenica In”, “Le Iene”, “Stracult”, “Che fuori che tempo che fa”, “Dopo fiction”  piccole perle dei tantissimi programmi televisivi che hanno registrato la sua partecipazione e che sicuramente hanno offerto elementi di riferimento per  più di una generazione.  Dal 1999 è nel cast della fiction dei record “Don Matteo”. Nel panni del  maresciallo Cecchini, ruolo che interpreta magistralmente nella serie in tutte le stagioni,  e che è fondamentale nel complesso funzionamento della stessa fiction. Informatore fidato  e leale del grande prete-detective (interpretato da Terence Hill). Le sue battute esilaranti, alcune volte intrecciate  con quelle di  Nathalie Guetta, le partite a scacchi con il “Don” nazionale, gli sketch con Pietro Pulcini, Francesco Scali sono per “eccellenza” la linfa vitale del successo e sono diventati dei veri e propri tormentoni che spopolano anche sui social. Oltre alle  riprese per l’undicesima stagione di “Don Matteo” è impegnato anche con “Programmone” su Rai Radio 2 e con “Complimenti con la connessione” che promettono  novità, qualità e tanta buona satira!.

 

Nino, grazie per questa possibilità, allora cosa bolle in pentola?

Guarda cosa posso dirti, sto lavorando per la prossima edizione di “Programmone” su Rai Radio 2, che andrà in onda dal 10 Luglio, un  vero e proprio programma quotidiano, una striscia di mezz’ora dalle 14:00 alle 14:30  da lunedì a venerdì.  Lavori in corso  anche per il format “Complimenti per la connessione” su RaiUno e tanti altri impegni con il Frassica nazionale. In queste settimane sono impegnato con le riprese di “Don Matteo”, come ben sai.  Ah dimenticavo una cosa importantissima con “Programmone” sarò in onda per tutta l’estate. Ovviamente non perdetelo ( sorride ndr). 

Tutti pazzi per il maresciallo Cecchini, cosa puoi dirmi su questo tuo personaggio da record?

Il maresciallo Cecchini è il maresciallo della porta accanto, un carabiniere con una forte umanità. Dai credo che tutti vorrebbero averlo nei loro paesi. Un amico di tutti prima che un rappresentante delle forze dell’ordine, una figura molto solidale ( sorride ndr).

E da bambino cosa volevi diventare? Un carabiniere?

Ringo Starr! ( sorride ndr)

Davvero?

Si certo, amavo fare il musicista- batterista. Avevo una grande passione per la batteria sai. Poi ho accantonato questa sogno e ho incominciato il mio percorso di attore,  piano piano è diventato un mestiere.

 Nino vuoi dare un consiglio ai tanti giovani, qual è il trucco del successo?

Crederci, se ci credi il segreto è semplicemente questo. Non aggiungo altro.

E sul set di Don Matteo?

Tante scene una dietro l’altra ( sorride ndr). Ore e ore di lavoro sul set. La mattina  cominciamo molto presto. Prima vado al trucco e parrucco  per prendere le sembianze del maresciallo Cecchini e poi divisa. Iniziamo  le prove con il regista e via:  scene di giallo-commedia, commedia-giallo e un’altra giornata è passata,  tra una partita a scacchi con Don Matteo e  qualche interrogatorio.

 di Omar Falvo

Leave a Reply